Molto prima che la medicina ortodossa diventasse il centro della scena nelle pratiche di assistenza sanitaria in tutto il mondo, le persone che erano malate erano solite visitare diversi tipi di medici. Questi dottori non erano i geni della medicina in camice bianco, esperti di tecnologia e maneggevoli di oggi. Per lo più, erano barbuti, avvizziti e nodosi che sembravano meno medici e più simili a streghe o maghi. Ma erano venerati, amati e persino temuti a causa di un’abilità particolare che possedevano: il tocco curativo.

Agli albori della civiltà, la stragrande maggioranza delle persone era esclusa dalle cure mediche “formali”. I medici competenti erano un lusso, di cui godevano solo i super ricchi e i reali. Per tutti gli altri c’era lo stregone locale rispettato per la sua profonda conoscenza della medicina popolare. Questo era l’uomo o la donna che trattava di tutto, dai foruncoli alla cancrena, dal taglio cesareo alla malaria e persino al vaiolo.

Ciò che è sorprendente è che molti di questi cosiddetti “medici” hanno curato efficacemente i loro pazienti. Ciò che è ancora più interessante è che queste medicine non hanno perso nulla del loro fascino con il passare del tempo e sempre più di loro stanno trovando il loro giusto posto nelle medicine tradizionali.

Ricordi come tua nonna ti dava la corteccia di ciliegio selvatico per la tosse, o fai bollire i ramoscelli e le foglie di cedro rosso per curare il tuo raffreddore? Bene, questa è medicina popolare! Se chiedessi a tua nonna come ha imparato quelle tecniche, disegnerebbe uno spazio vuoto! Queste pratiche non ufficiali relative alla salute sono state trasmesse in modo informale con il passaparola e sono state sviluppate attraverso l’osservazione e la sperimentazione.

Si dice che le malattie che vanno dal comune raffreddore e mal di gola a verruche, cancro, malaria, impotenza e artrite vengano curate attraverso la medicina popolare.

La medicina popolare dipendeva in gran parte dall’uso di materiali naturali come erbe, radici di piante, alberi, cortecce, frutta, insetti e prodotti alimentari. Pertanto, questi professionisti hanno prestato molta attenzione alla botanica.

Ma l’avvento della medicina moderna ha visto un declino della medicina popolare poiché queste pratiche “rustiche” sono state messe al microscopio, sezionate e poi scartate come prive di valore. Un motivo in più ha contribuito al declino della medicina popolare.

La medicina popolare ha iniziato la sua discesa con l’avvento dei poteri magici di guarigione. Le persone squallide alla ricerca di pochi soldi veloci sono riuscite a capitalizzare la fiducia e la fede di ampi settori della società. Una volta che il loro stratagemma venne alla luce, la gente iniziò a perdere la fede nella medicina popolare. Ben presto la medicina popolare fu relegata in una zona grigia tra la medicina ortodossa e la ciarlataneria.

Tuttavia, come sempre più persone hanno iniziato a rendersi conto, c’è una ricchezza di conoscenze nella medicina popolare tradizionale. Poiché le persone hanno iniziato ad adottare lo stile di vita olistico, c’è una lotta per reinventare la preziosa medicina popolare di un tempo. Negli ultimi anni, la medicina popolare delle popolazioni indigene sta diventando sempre più popolare.

Alcuni esempi di medicine popolari che usiamo nella nostra vita quotidiana sono:

Aglio – per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue
Agopuntura cinese – per trattare la coagulazione del sangue e l’emicrania
Il succo di foglie di neem – per curare la malaria
Impiastro: per il trattamento delle ferite infette

Curcuma – per trattare le punture di api o vespe

Oggi, sorprendentemente, più di due terzi della popolazione mondiale fa affidamento sui poteri curativi della medicina popolare ad un certo punto della loro vita. Per molti nient’altro è disponibile o abbordabile. Per alcuni, nient’altro è accettabile. E per pochissimi, nient’altro funziona.